HomeNewsBandi regionaliCONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LO SVILUPPO DELLA IMPRENDITORIALITÀ, LA TECNOLOGIA, LA TUTELA AMBIENTALE E LA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PUGLIESI

CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO PER LO SVILUPPO DELLA IMPRENDITORIALITÀ, LA TECNOLOGIA, LA TUTELA AMBIENTALE E LA DIGITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PUGLIESI

Sono in arrivo i nuovi Avvisi della Regione a supporto degli investimenti delle imprese rivolti alle attività di ricerca e innovazione, alla tutela ambientale e alla formazione in tema di trasformazione digitale e riconversione green.

Misure previste

Le misure facenti parte la nuova programmazione regionale 2021-2027, sono sette: Pia, Minipia, Pia Turismo, MiniPia Turismo, Contratti di programma, Nidi e Tecnonidi.

– I Pia erogano fondi fino a un massimo dell’80% per: i programmi di investimento delle medie e piccole imprese per attività di ricerca industriale, innovazione tecnologica ed industriale, sviluppo sperimentale digitalizzazione e transizione energetica ed ambientale, programmi di internazionalizzazione e di partecipazione a fiere, sviluppo delle competenze oltre che acquisizione di consulenze specialistiche. L’importo globale delle spese ammissibili è compreso tra un milione e 50 milioni di euro.

– I MiniPia (Pacchetti integrati di agevolazione) indirizzate a micro e piccole imprese e ai liberi professionisti con l’obiettivo di favorire investimenti produttivi in chiave di tecnologie abilitanti e di innovazione correlati alla digitalizzazione, all’energia e all’ecosostenibilità integrati con progetti di innovazione tecnologica, organizzativa e gestionale delle imprese. Le agevolazioni arrivano al 50% per l’innovazione, al 55% per gli investimenti produttivi, al 65% per interventi a favore della tutela ambientale, al 70% per interventi formativi.

Nidi e TecnoNidi sono rivolti all’autoimprenditorialità e alla valorizzazione delle startup tecnologiche e alle piccole imprese con lo scopo di accrescere la competitività e l’occupazione con una combinazione di agevolazioni tra contributo in conto impianti e un prestito rimborsabile fino a un massimo di 200mila euro.

I contributi sono rivolti anche alle imprese turistiche con una linea dedicata di Pia e MiniPia.

Le finalità

Gli obiettivi sono: l’innalzamento degli standard qualitativi dell’offerta e il miglioramento dei servizi in chiave ecologica e green, la digitalizzazione delle imprese, la formazione degli operatori e il sostegno e la qualificazione dell’occupazione regionale inclusa l’occupazione femminile. Sono avvantaggiati i progetti che prevedono ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione di immobili per trasformarli in strutture turistico-alberghiere. Tali attività sono finalizzate al recupero e alla riqualificazione di un patrimonio già esistente o di pregio con agevolazioni che arrivano fino a un massimo del 70%.

I finanzimenti sono stanziati in contributo a fondo perduto. Per i MiniPia sia ordinari che destinati al turismo, alla sovvenzione diretta si aggiunge un 10% di contributo in conto impianti determinato sul montante degli interessi di un finanziamento bancario e il 10% di Esl su operazioni di garanzia, controgaranzia, cogaranzia e riassicurazione, sul finanziamento bancario concesso.

Modalità di accesso alla misura

L’apertura delle procedure è prevista per le prossime settimane, ed è in ogni caso fissata entro la fine del 2023.

Informazioni e assistenza

Il nostro staff è a disposizione per verificare i requisiti, calcolare i benefici ottenibili e assistere le aziende nella richiesta delle agevolazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contattaci

©2023 Giannelli Consulting. Tutti i diritti sono riservati.