FONDO PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE CREATIVE

È stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 2 febbraio il decreto del Ministro dello Sviluppo Economico del 19 novembre 2021 che disciplina il Fondo per le piccole e medie imprese creative. Il decreto disciplina:


INTERVENTI PER LA NASCITA, LO SVILUPPO E IL CONSOLIDAMENTO DELLE IMPRESE CREATIVE


Tali investimenti devono avere spese ammissibili non superiori a € 500.000, una durata non superiore a 24 mesi dalla sottoscrizione dell’accordo di concessione e riguardare l’avvio e lo sviluppo dell’impresa creativa per le imprese costituite da non più di 5 anni, l’ampliamento o la diversificazione della propria offerta di prodotti e servizi per le imprese creative e del proprio mercato di riferimento o l'introduzione di innovazioni ed efficientamento del processo produttivo per le imprese costituite da oltre 5 anni.

I programmi di investimento possono essere presentati anche da imprese non creative purché il progetto sia realizzato nell'ambito del settore creativo e con un ruolo non preponderante delle imprese diverse dalle imprese creative. L’agevolazione è concessa nella percentuale massima di copertura delle spese ammissibili pari all'80% articolata come segue:

a) una quota massima pari al 40% delle spese ammissibili nella forma del contributo a fondo perduto;

b) una quota massima pari al 40% delle spese ammissibili nella forma del finanziamento agevolato, a un tasso pari a zero e della durata massima di dieci anni.

Il finanziamento agevolato è restituito dall'impresa beneficiaria, senza interessi, secondo un piano di ammortamento a rate semestrali costanti posticipate scadenti il 31 maggio e il 30 novembre di ogni anno, a decorrere dalla seconda delle precitate date successiva a quella di erogazione dell'ultima quota a saldo delle agevolazioni concesse.

Le imprese creative beneficiarie delle agevolazioni che si qualificano come start-up innovative o come PMI innovative, a fronte di investimenti nel relativo capitale di rischio in forma di investimento in equity con le caratteristiche indicate all’art. 11, comma 2, possono richiedere la conversione di una quota del finanziamento agevolato in contributo a fondo perduto. La conversione può avvenire per un importo pari al 50% delle somme apportate dagli investitori terzi e, comunque, fino alla misura massima del 50% del finanziamento concesso.


VOUCHER PER L'ACQUISIZIONE DI SERVIZI SPECIALISTICI EROGATI DA IMPRESE CREATIVE


Le iniziative devono essere finalizzate all'introduzione nell'impresa di innovazioni di prodotto, servizio e di processo e al supporto dei processi di ammodernamento degli assetti gestionali e di crescita organizzativa e commerciale, attraverso l'acquisizione di servizi specialistici nel settore creativo.

I servizi specialistici devono:

a) essere erogati da PMI creative o da università o enti di ricerca;

b) essere oggetto di un contratto sottoscritto dopo la presentazione della domanda di agevolazione ed entro tre mesi dalla data del provvedimento di concessione delle agevolazioni;

c) avere ad oggetto i seguenti ambiti strategici: azioni di sviluppo di marketing e sviluppo del brand; design e design industriale; incremento del valore identitario del company profile; innovazioni tecnologiche nelle aree della conservazione, fruizione e commercializzazione di prodotti di particolare valore artigianale, artistico e creativo.

Il contributo a fondo perduto, fino a copertura del 80% delle spese per l'acquisizione dei servizi specialistici nel settore creativo, è concesso per un importo massimo pari a € 10.000.


MODALITÀ ATTUATIVE DEGLI INTERVENTI DI AGEVOLAZIONE: le agevolazioni sono concesse sulla base di procedure valutative con procedimento a sportello. La Giannelli Consulting metterà a disposizione, non appena il Ministro dello Sviluppo Economico definirà le modalità di accesso al portale telematico, le procedure informatiche che consentiranno di inserire i dati per la domanda accesso al finanziamento.

Si rinvia alla lettura integrale del provvedimento che indica in allegato tutti i codici Ateco riconducibile alle imprese creative:

https://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2022-02-02&atto.codiceRedazionale=22A00615&elenco30giorni=true