AIUTI AGLI INVESTIMENTI DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE - TITOLO II CAPO 3

FINALITÀ


Favorire lo sviluppo delle attività economiche delle piccole e medie imprese, facilitandone l'accesso al credito.

Le imprese possono proporre progetti di investimento di importo non inferiore a 30 mila euro per:

· la creazione di una nuova unità produttiva;

· l'ampliamento di una unità produttiva esistente;

· la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;

· il cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un'unità produttiva esistente.


DESTINATARI


  1. microimprese (impresa che occupa meno di 10 persone, realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio annuo non superiori a 2 milioni di euro);

  2. imprese di piccole dimensioni (impresa che occupa meno di 50 persone e realizza un fatturato annuo o un totale di bilancio non superiori a 10 milioni di euro);

  3. imprese di medie dimensioni (impresa che occupa meno di 250 persone, realizza un fatturato annuo non superiore a 50 milioni di euro oppure il totale di bilancio annuo non supera i 43 milioni di euro.

  4. liberi professionisti, in quanto equiparati alle piccole e medie imprese, che operino in una delle seguenti categorie:

  5. imprese artigiane;

  6. imprese che realizzano programmi di investimento nel settore del commercio di vendita al dettaglio ed all'ingrosso, servizi di ristorazione, attività di commercio elettronico;

  7. imprese che realizzano investimenti in attività economiche che realizzano investimenti riguardanti il settore delle attività manifatturiere, nel settore fornitura di acqua, reti fognarie, attività di trattamento dei rifiuti e risanamento, nel settore delle costruzioni, nel settore dei servizi di comunicazione ed informazione, nella sanità e assistenza sociale, nel settore attività artistiche, di intrattenimento e divertimento

  8. Liberi professionisti che svolgono le attività disciplinate da apposite leggi professionali.


SPESE FINANZIATE


Acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 5% dell'importo dell'investimento in attivi materiali;


Spese per opere murarie e assimilabili relative a interventi di ampliamento o di riqualificazione di immobili esistenti nonché quelle relative a nuova costruzione nel caso in cui si dimostri che l’assenza di agevolazioni inficerebbe la redditività e le opportunità di sviluppo;


Acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, nonché i mezzi mobili strettamente necessari al ciclo di produzione;


Investimenti finalizzati al miglioramento delle misure di prevenzione dei rischi, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;


Spese per l'acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa ed i trasferimenti di tecnologia mediante l'acquisto di diritti di brevetto e licenze, connessi alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa.


RISORSE ECONOMICHE DESTINATE AI PROGETTI


Le micro e piccole imprese possono ottenere un’agevolazione in conto impianti sino a euro 700.000 (calcolata come 35% dell’investimento ammesso per attrezzature e macchinari).

Le medie imprese possono ottenere un’agevolazione in conto impianti sino a euro 1.200.000 (calcolata come 30% dell’investimento ammesso per attrezzature e macchinari).

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA


La Giannelli Consulting metterà a disposizione le procedure informatiche che consentiranno di inserire i dati per la domanda accesso al finanziamento.

Si rammenta che per poter accedere al portale telematico è necessaria la procedura di registrazione attraverso l’utilizzo del sistema “SPID”.