content top

Pubblicato il bando sugli affitta camere del Gal Meridaunia

E’ stata pubblicata la bozza del bando relativo alla “CREAZIONE DI STRUTTURE DI PICCOLA RICETTIVITA’ “azione 5 della Misura 313 del Piano di Sviluppo Locale “I luoghi dell’uomo e della natura” del GAL Meridaunia, approvata dal CDA del GAL Meridaunia con delibera n. 121 del 19.05.201. Si precisa che il testo pubblicato sul sito del Gal al seguente link

http://www.meridaunia.it/upload/BOZZA_%20BANDO_PICCOLA%20RICETTIVITA_%20313%20az%205.pdf

non è ancora il testo definitivo del bando ma dà comunque alcune indicazioni più precise su qual è l’orientamento generale dell’ente erogatore dei finanziamenti. L’azione prevede la riqualificazione e l’adeguamento di immobili, nonchè l’acquisto di arredi ed attrezzature per lo svolgimento di attività ricettive di piccole dimensioni non classificate come strutture alberghiere: si tratta di attività di affittacamere o di casa turistica, entrambe queste tipologie richiedono l’inquadramento dell’attività attraverso regolare partita iva, a differenza dei bed and breakfast che figurano invece come integrazione al reddito personale.

Gli interventi devono essere localizzati nell’area dei trenta comuni del gal Meridaunia e prevedono la modalità di presentazione “a sportello”, cioè fino ad esaurimento fondi, con l’individuazione di scadenze periodiche per permettere la valutazione progressiva dei progetti presentati. La prima scadenza è fissata al 1 agosto.

L’azione finanzia la realizzazione di interventi di riqualificazione e adeguamento degli immobili e l’acquisto di arredi e di attrezzature per lo svolgimento di attività ricettive di piccole dimensioni e pone alcuni vincoli rispetto al tetto di spesa massimo per ciascun lavoro edile prendendo come riferimento il prezziario del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti S.I.I.T. Puglia e Basilicata – Settore infrastrutture di Bari.

Il bando finanzia fino al 50% dei costi di investimento ma la bozza non specifica ancora qual è il tetto massimo investimentale, qualora fosse confermata l’impostazione già data al bando sugli agriturismi si potrebbe investire un totale di 400.000 € di cui quindi 200.000 € sarebbero rimborsabili come finanziamento a fondo perduto. Per la rimanente quota il gal sta approntando degli accordi con cofidi per facilitare l’accesso al credito.

I progetti saranno approvati sulla base di uan tabella di attribuzione di punteggi che agevola soprattutto le imprese giovani (titolari con meno di 40 anni), composte per la maggior parte da donne, con buone possibilità di mercato e attente a tecniche eco compatibili.

Per poter accedere ai finanziamenti è necessario avere la proprietà del fondo o al massimo un usufrutto o un contratto di locazione, non sono ammessi i comodati d’uso.

Per ulteriori dettagli rimaniamo in attesa della pubblicazione del bando ufficiale definitivo.